Disostruzione a Su Mannau

Ramo di sinistra

Siamo stati invitati dal gruppo speleo di Gonnos a partecipare all'apertura della strettoia nel ramo di sinistra. Sono state necessarie molte ore di lavoro nell'arco di 4 mesi per riuscire ad arrivare a questo punto, ma ormai manca davvero poco. Partiamo da Sassari in 4: Marco B, Marco G. Davide ed io. Arrivati a Gonnos ci uniamo agli altri e proseguiamo per Su Mannau.
Arriviamo all'ingresso con le macchine ad allestiamo il campo nell'atrio della grotta: dentro fa caldo e abbiamo pure le luci dell'impianto attrezzato per le visite turistiche... non certo il tipico campo interno in una grotta! Indossiamo le tute speleo e un primo gruppo inizia ad entrare. Grazie alle trasmittenti di Marco siamo in continuo contatto con l'altro gruppo che si fermato all'inizio delle strettoie e cos possiamo tenerli aggiornati.
Daniela inizia a lavorare alla strettoia e riesce ad allargarla sino quasi a passare. Quando il mio turno di usare la mazzetta sulle prime non riesco a fare tanto, ma poi, individuata una frattura, mi concentro sul punto debole e pian piano riesco ad allargare il tanto da infilare la testa dall'altra parte! Ora vedo cosa c' dietro! Un camino che sale e di cui non vedo il soffitto, e nessuna prosecuzione certa in orizzontale.
L'entusiasmo cresce e a questo punto Daniela inizia a scalpitare per entrare a vedere. Allargo ancora un poco e poi le cedo il posto: lei non solo si affaccia, ma riesce addiritura a passare con tutto il busto! A questo punto inizia a muoversi avanti e indietro mentre io la spingo per i piedi: sembra un tappo di spumante che sta per partire. Attorno al suo corpo non c' nessuno spiraglio di luce e non riesco a capire se riuscir a passare o meno.

Ma ci spero, e spingo pi forte sinch non la sento leggera... passata!!! Avverto gli altri con le trasmittenti e un gruppo ci raggiunge in prima linea. Marco raggiunge Daniela oltre la strettoia mentre a me non resta che guardarli perch il buco ancora troppo stretto. In basso chiude con fango, il cunicolo in parete stretto e chiude subito.
Marco si avventura in una disostruzione verso l'alto, rischiando che gli cada tutto in testa (ed in effetti un bel crostone lo sfiora sul viso) ma nemmeno il soffitto sembra dare speranze. Forse si potrebbe provare in un altro cunicolo ricco di concrezioni, ma bisognerebbe distruggere le bellissime eccentriche presenti, e comunque senza la certezza di riuscire a passare. Torniamo indietro un p delusi ma arrivati al campo ci consoliamo con la pasta al forno, le polpette e molto altro, il tutto innaffiato con un ottimo vino.

Vai alle Foto

Indietro